Descrizione immagine

Spin off dell'Università degli Studi Milano-Bicocca

Graftonica

tecnologie d' innesto - innesto di tecnologie 

L'Azienda

La società, costituita in data 11 Febbraio 2015, è uno spin off dell’Università degli Studi di Milano – Bicocca ed è guidata da Alberto Bianchi, PhD, che ricopre il ruolo di amministratore unico. Il team è costituito dai soci e collaboratori Michele Mauri, PhD, e Prof. Roberto Simonutti, PhD, CTO, che si occupano degli aspetti tecnico-scientifici.

Innovazione

L’innovazione di Graftonica nasce da un percorso di ricerca sviluppato all’interno del Dipartimento di Scienza dei Materiali. La forza innovativa è l’utilizzo di nuove metodologie per compatibilizzare e disperdere nei polimeri di cariche nanometriche inorganiche.

I materiali macromolecolari hanno basse proprietà funzionali ma buone proprietà strutturali e inoltre sono solitamente molto economici. Con la dispersione di nanoparticelle inorganiche all’interno di matrici polimeriche si producono nanocompositi con proprietà superiori. I nanocompositi sono infatti l’evoluzione dei compositi polimerici, e uniscono nella maniera ottimale le proprietà delle cariche inorganiche con le proprietà dei materiali polimerici. Si tratta di una problematica molto complessa dal punto di vista scientifico e tecnologico, data la tendenza di molte particelle ad aggregare formando “grumi” che non consentono di ottenere le proprietà desiderate. In questi ultimi anni si sono cercate molte strade per la compatibilizzazione sia dal punto di vista fisico, attraverso la tecnologia al plasma, che chimico, con tensioattivi e molecole organiche attive alla superficie. La soluzione specifica proposta da Graftonica è quella delle funzionalizzazioni, processi che modificano chimicamente la superficie delle particelle inorganiche, rendendole compatibili con le matrici organiche polimeriche e permettendone la dispersione ottimale. La funzionalizzazione può essere eseguita sia utilizzando l’approccio “grafting from” che prevede la crescita di catene polimeriche a partire dalla superficie sia utilizzando il “grafting to” ovvero l’attacco di catene polimeriche preformate sulle nanoparticelle. In questo modo, Graftonica può  rispondere in maniera razionale alle esigenze delle aziende, implementando la tecnica più funzionale e flessibile.La metodologia è quindi applicabile a una vasta gamma di nanoparticelle e di polimeri, permettendo quindi un numero molto vasto di possibili applicazioni. I prodotti sono inquadrati negli additivi per polimeri, quindi i potenziali consumatori sono tutte quelle società che trasformano ed utilizzano questi materiali. 

Soci Fondatori

L’amministratore, Alberto Bianchi, PhD, crede nella forza propulsiva della nanotecnologia per il sistema industriale locale e globale in particolare nel settore gomma-plastica, e ha deciso di mettere tutte le competenze sviluppate in Università al servizio di questo progetto imprenditoriale. Michele Mauri, PhD, da anni lavora al confine tra la ricerca universitaria nel campo dei polimeri e le esigenze di ricerca e sviluppo di aziende di ogni dimensione; Roberto Simonutti, PhD, è Professore di Chimica Industriale, punto di riferimento sulla scienza dei polimeri e delle nanoparticelle con circa 100 tra paper, brevetti, e altre pubblicazioni.  Assieme, hanno sviluppato nuove metodologie per compatibilizzare e disperdere nei polimeri cariche nanometriche inorganiche, e vogliono rendere questa tecnologia disponibile attraverso uno spin off, Graftonica, che vede la partecipazione sociale della stessa Università.

I soci di Graftonica provengono da esperienze accademiche nella Scienza dei Materiali, in Italia e all’estero. Inoltre, i soci hanno un’esperienza pluriennale di collaborazione con aziende (piccole e grandi) sia a livello di partecipazione a contratti di ricerca sia di svolgimento di attività conto terzi. Per questo, hanno maturato un’estesa conoscenza del contesto industriale della gomma e della plastica in Lombardia e nel contesto nazionale e internazionale.
Il campo di studio dei soci riguarda la scienza dei polimeri, sia per quanto riguarda tematiche tradizionali quali la struttura e le proprietà delle poliolefine e della gomma, sia per quanto riguarda la sintesi e di sistemi nanocompositi innovativi per applicazioni di fotonica e nanomedicina e la loro caratterizzazione.
L’esperienza universitaria ha permesso ampie collaborazioni con numerosi gruppi di ricerca nazionali e internazionali, e lo sviluppo di competenze in vari ambiti di ricerca e della gestione di progetti. Sono inventori di brevetti internazionali.  

Sostenibilità